Cna Fermo. Preoccupazione per il futuro: «Serve un’adeguata programmazione»

Cna Fermo. Preoccupazione per il futuro: «Serve un’adeguata programmazione»

FERMO «Siamo preoccupati, e certo non ne avevamo nessun bisogno di motivi in più!». Così dice il presidente della Cna territoriale di Fermo, Paolo Silenzi, che nel dirsi allarmato rilancia: «Alla crisi economica, alla devastazione del sisma, alla pandemia si aggiungono una crisi politica che disorienta e le incertezze su come cogliere le opportunità del cosiddetto Recovery Plan! Per usare un’immagine dal calcio mi viene da dire che è da settembre 2020 che siamo a girare intorno alla bandierina del calcio d’angolo».

Il PNRR, Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza

Alessandro Migliore, direttore della CNA Fermo, è d’accordo, e cita il PNRR Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. «Va prodotto entro il 30 aprile alla Commissione Europea –  sottolinea -. La crisi di governo non interrompe l’iter del provvedimento ma, ovviamente, il nuovo esecutivo potrà integrare e correggere il testo del 12 gennaio e al tempo stesso sviluppare i progetti che lo comporranno».  E non è tutto, perchè Migliore va oltre e osserca che «come il Next Generation EU rappresenta una svolta di portata storica per l’Europa, così il PNRR deve rappresentare per l’Italia una netta discontinuità nella capacità di programmare, riformare, investire per la modernizzazione del sistema Italia». Un’occasione storica e concreta, quindi, per affrontare e sciogliere i numerosi nodi che da oltre 20 anni contrastano la crescita economica dell’Italia.

Le risorse

E’ ancora Paolo Silenzi che rileva come «Le risorse ci sono. Per 5 anni disporremo di circa 40 miliardi da dedicare a spesa in conto capitale per capitoli per troppo tempo trascurati. Ma attenzione: il Piano non esaurisce gli interventi. Il governo, quale che sia, dovrà continuare ad assicurare risorse per realizzare i progetti di sostegno all’economia già individuati. Pe la Cna territoriale di Fermo, poi, è essenziale che non vengano in alcun modo toccate le misure contenute nel Piano Straordinario per Made in Italy, approvato nel 2020, gestito dall’ICE Agenzia e dalla SIMEST, a sostegno della promozione dell’internazionalizzazione delle imprese italiane. «Dovranno continuare ad esserci risorse adeguate e sempre più orientate alla proiezione sui mercati esteri delle nostre imprese di piccole dimensioni. Senza, per il nostro territorio sarà ancora molto più dura!».
Per CNA, dunque, l’Italia che si deve disegnare con l’impiego responsabile e intelligente delle risorse, dovrà essere profondamente diversa da quella alle nostre spalle. Gli anni ‘20 del 2000 ci devono proiettare verso il futuro. «Guai se non riuscissimo a cogliere questa occasione per trasformare e modernizzare il Paese e inserirlo nelle nuove traiettorie di sviluppo».

Da Cna territoriale di Fermo

Nella foto: Da sinistra Paolo Silenzi e Alessandro Migliore

info@lalentenews.it

Print Friendly, PDF & Email

Commenti agli articoli

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.