Le ultime notizie

Porto San Giorgio. Al “Porto degli autori” arriva Marta Zura Puntaroni

PORTO SAN GIORGIO E’ uscito oggi nelle librerie e sarà presentato domani, venerdì 28 agosto a Rocca Tiepolo (ore 21,30), il volume della scrittrice Marta Zura Puntaroni. A conversare con l’autrice, nell’appuntamento dell’Assessorato alla Cultura “Il Porto degli autori”, ci sarà il direttore artistico Francesco Rapaccioni.

Nata nelle Marche, dove è ambientato “Noi non abbiamo colpa”, l’autrice ha esordito per “Minimum fax” nel 2017 con il romanzo “Grande Era Onirica”. Ha trent’anni, vive e lavora a Siena.

Nel libro, Marta ritorna nelle Marche. Il paese è caldo e confortevole, ci sono le amiche di sempre che ti accolgono e non ti fanno domande, contente che tu sia di nuovo lì con loro. Ci sono il bosco e le sue storie, che continuano lungo le generazioni. Ci sono le badanti straniere, che cambiano ancora prima che tu possa rammentarne il nome perché stare dietro alla nonna malata di Alzheimer è davvero duro, e appena trovano qualcosa di meglio scappano. Anzi, qualche volta scappano anche quando qualcosa di meglio non si vede ancora, perché nonna è peggio di un “diaulu”.

Marta diventa a sua volta una sorta di badante, ritorna al paese per aiutare sua madre a gestire la situazione, la quotidianità capovolta. Si trova ad affrontare una malattia che non brucia veloce in un’esplosione di sofferenza per poi placarsi nella guarigione o nella morte, ma che giorno dopo giorno, per ore che sembrano infinite, lavora a togliere umanità, a farti dimenticare chi era prima, nella sua interezza e nelle sue contraddizioni, quella persona che ora dimentica tutto. E allora Marta ritorna per cercare dignità nelle creature che vivono, amano e soffrono. Ritorna per ricordare, ricordare con sua madre le storie della famiglia, riappropriarsi del passato che la madre di sua madre non ha più e della speranza di un futuro.

 

Print Friendly, PDF & Email
error: Content is protected !!